Gallery

Tavola Rotonda - 29 Maggio

< luglio 2019 >
l m m g v s d
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

prec | blog | succ

                                            

               AMMI

       ASSOCIAZIONE MOGLI MEDICI ITALIANI

        Sezione di Roma

  _______________________________________

                La Vice Presidente

 

TAVOLA ROTONDA  ( 21 ottobre 2015 sez. Di Roma)

La Medicina di Difesa

 

    IL 21 ottobre, nella Giornata Nazionale dell’AMMI, presso L’Ordine dei Medici di Roma, si è svolta La Tavola Rotonda dal titolo  “ La Medicina di Difesa” , tema trattato in contemporanea da tutte le  Sezioni  AMMI d’Italia per  ricordare S. Luca Evangelista patrono dei medici  e degli artisti. Illustri relatori hanno animato l’evento destando un vivo interesse  nei numerosi presenti in sala. Dopo i saluti di benvenuto della presidente Giuseppina Araco e del vicepresidente dell’Ordine Dott. Giuseppe Lavra, ha preso la parola  Don Andrea Manto della CEI, medico geriatra professione che ha esercitato prima di diventare sacerdote. “Cambiamenti etici – culturali legati all’alfabetizzazione e all’uso di internet,  hanno modificato l’idea della Medicina,  non c’è più l’alleanza medico – paziente,  c’è l’idea che la Medicina debba sempre più soddisfare le esigenze del  paziente.”   IL dott. Mario Bernardini , medico e giornalista, moderatore  dei relatori, li ha presentati di volta in volta, indugiando su sue considerazioni personali alla fine di ogni intervento.  IL giornalista RAI, Guido Barlozzetti  ha introdotto il tema “ il Potere della parola” proiettando sullo schermo un famoso quadro di Rembrandt  “ La lezione di Anatomia” in cui il gioco di luci e ombre,  mette in risalto la figura del  professor Tulp che, sezionando un cadavere, racconta e mostra ai suoi allievi, quello che il cadavere “contiene.”  Tulp è detentore di un sapere che si appoggia alla parola, all’interno di una dimensione scientifica del 1600. Oggi si cerca di stabilire un contatto  tramite  la  parola, servendosi sempre più spesso di  stereotipi che identificano i cosiddetti linguaggi collettivi  ( Il Calcio, La Meteorologia etc….)  Ma attenzione al” potere della parola” quando si parla di dolore   e  sofferenza!       Commenta il dott. Bernardini: il rapporto medico – paziente non è come dire“ cavallo e cavaliere”, è qualcosa di ben più profondo che riporta a un concetto filosofico.  IL dott. Giuseppe Lavra ha esordito dicendo che il medico, oltre a manifestare il suo sapere, deve manifestare anche il suo saper essere.  Purtroppo anche a causa della tecnologia, la medicina è entrata nell’ambito di un contesto che va verso il paradigma delle organizzazioni. Ha fatto richiamo più volte alla deontologia, dandone anche cenni storici, i Galatei d’Istria e Trento(1836), Angelo Rothe il Codice di Sassari(1903) in cui già appariva il concetto di consenso informato. Ha concluso con questo messaggio: “ Se sono chiare le cose a chi spiega, si riesce a comunicarle bene anche a chi non è a quel livello di comprensione”. Dopo qualche battuta di spirito per alleggerire la complessità degli argomenti trattati, il professor Antonio Paolini, già ordinario di chirurgia generale Università “Sapienza”, ha così iniziato e concluso il suo Intervento. “ Bei tempi quando il paziente aveva grande considerazione del chirurgo! Il dogma della fiducia è quasi dimenticato dai pazienti. Le informazioni su Internet devono essere considerate un notiziario “non” a carattere scientifico.  IL rapporto chirurgo-paziente deve essere distensivo e deve coinvolgere anche i familiari del paziente. IL paziente che si affida, guarisce meglio. E’ indispensabile infine, che il paziente legga e firmi il consenso informato.”   IL dott. Bernardini approva, commentando che c’è bisogno anche di empatia nell’approccio medico- paziente e  aggiunge che quando si parla di “malasanità”, ci vuole un aggettivo che la identifichi, ( amministrativa, organizzativa ),  un chiaro riferimento agli stereotipi del linguaggio collettivo già citato  da Guido Barlozzetti. Parla ora il professor Giovanni Arcudi, Ordinario di Medicina Legale, Università “Tor Vergata”. IL messaggio Deontologico viene comunicato agli studenti di Medicina al sesto anno a cui arrivano imbottiti di tecnicismi, e, non riescono a captarne

 

 

 

pienamente il significato. Ormai il rapporto medico-paziente si è deteriorato. La clinica, che stabiliva un rapporto empatico con il paziente, viene oggi sostituita da un insieme di esami tecnici per i quali non si fa’ più clinica. La Medicina è filosofia, nel senso di amore del pensiero nel pensare al paziente:  PARLARE al paziente,  ASCOLTARE il paziente,  RITORNARE   al concetto di   iatròs.   La dott.ssa  Elisabetta Ceniccola, magistrato PM, intervenuta per ultima, ha condiviso pienamente tutto ciò che è stato espresso dai relatori che l’hanno preceduta. Lavora in stretta collaborazione con il medicolegale con cui si relaziona continuamente. Capita a volte che i media, per una non corretta informazione, diffondano notizie non corrispondenti a verità e quindi è richiesta la massima attenzione. Nella realtà odierna, numerosi avvocati si aggirano intorno agli ospedali per indirizzare pazienti insoddisfatti del  servizio medico loro prestato, verso denunce e risarcimenti. Le cause penali sono veloci nel loro iter, le civili sono lunghissime e in alcuni casi si può ricorrere alla conciliazione. I problemi maggiori sono per i chirurghi, soprattutto i chirurghi estetici. Nonostante tutte le difficoltà , la dott.ssa Ceniccola ha espresso questa valutazione:   “ I medici  Italiani sono medici bravi! “In conclusione, tutti i relatori e il loro moderatore, sono stati in perfetta sintonia di pensiero sui temi  trattati.  Un cocktail ha chiuso piacevolmente la serata.

                    

La Vicepresidente      

Fiorella Fioritoni  Ponno

 

 

                                                            

 

 

 

 

  

  

  

Aggiunto alle 12:11 PM



Aggiungi un commento

Nome:
Email:
Commento:



   

Copyright  by AMMI Roma 2012

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web. Accetta Privacy